FERRARI
F430

Instant Classic

Talmente bella che solo un'artista può averla disegnata

Per la nostra sezione Instant Classic abbiamo deciso di portare la Ferrari F430. La F430 è una berlinetta 2 posti con motore posteriore centrale che ha preso il posto della 360 Modena, prodotta dal 2004 al 2009 prima di essere sostituita dalla 458 Italia. La F430 ha portato con il suo lancio anche l’introduzione del manettino: componente derivato dalla Formula 1 che permette di settare le dinamiche della vettura. Sempre dalla Formula 1 riprese l’E-Diff, un differenziale elettronico molto simile a quello delle vetture della squadra corse di Maranello.
Iniziando a parlare del design della F430 possiamo notare come tutte le caratteristiche del progetto pongano l’accento sull’aggressività e allo stesso tempo svolgano funzioni aereodinamiche, sia di raffreddamento del motore, sia di generazione di carico. L’auto ha ottenuto un incremento del carico aereodinamico del 50% rispetto alla 360 Modena riscendo ad aumentare di 45 kg il carico a 200 km/h e di 85 kg a 300km/h. Questo è stato possibile grazie all’introduzione di un nuovo spoiler integrato nel paraurti anteriore posto al di sotto dell’iconica bocca di squalo. Altro dettaglio caratteristico della F430 sono le due prese d’aria ellittiche poste ai lati della vettura che convogliano l’aria nell’aspirazione del V8. Il design della vettura è stato realizzato dall’azienda torinese Pininfarina.
Per quello che riguarda gli interni invece possiamo vedere come la F430 sia andata controtendenza in quanto in quel periodo le supercar avevano interni sempre più lussuosi e ricchi andando però a inficiare negativamente sul peso. La F430 invece adotta la filosofia seguita dalla Enzo puntando tutto su funzionalità intesa come riduzione dei pesi per migliorare le prestazioni. L’abitacolo ha un aspetto minimalista e corsaiolo e questo lo si può notare da diversi dettagli quali bocchette dell’aria, comandi del riscaldamento e comandi radio realizzati in fibra di carbonio. Altro particolare che fa intendere la natura sportiva della vettura è il grande contagiri centrale con superficie gialla o rossa e fondo scala a 360 km/h. La F430 monta un 8 cilindri a V di 90° con monoblocco e testate realizzate in lega di alluminio. Il motore di 4308 cc sviluppa 490 cv a 8500 rpm e 465 Nm di coppia a 5250 rpm. Avete letto bene, OTTOMILA CINQUECENTO giri al minuto, regimi di rotazione da moto. L’auto strappa lo 0-100 km/h in 4 secondi netti e arresta l’accelerazione a 315 km/h. La vettura è disponibile con due cambi a 6 rapporti. Il primo tipo è un cambio manuale ormai divenuto leggenda in quanto quest’auto è stata l’ultima Ferrari sulla quale era disponibile una trasmissione di tipo manuale. L’altra versione disponibile è un cambio automatico con palette al volante derivato dalla Formula 1 chiamato, con estrema fantasia, F1. La potenza viene inviata dal cambio al differenziale elettronico E-diff che la trasmette alle ruote posteriori cercando di ottenere sempre la massima trazione possibile. L’introduzione di un differenziale elettronico fu una scelta obbligata per Ferrari per poter far gestire, attraverso il manettino, il comportamento della vettura. Il manettino della F430 presenta 5 settaggi differenti: ghiaccio, pioggia, sport, race e CST OFF.
Le prime due modalità sono per le situazioni di bassa aderenza del suolo e consentono all’auto di essere utilizzata da chiunque. Il controllo di trazione taglia subito la potenza in caso di pattinamento e il controllo di stabilità mantiene l’auto neutra. L’esperienza di guida è paragonabile ad una passeggiata a piedi in collina. In sport la musica cambia leggermente in quanto, restando attivi i controlli, l’auto permette già di iniziare a capire cosa realmente si possa fare. In race, le sospensioni a triangoli sovrapposti sacrificano il comfort per fare posto alla sportività, i controlli permettono di fare numeri incredibili evitando al contempo di distruggere la macchina contro un muretto. Per ultima rimane la funzione CST OFF dove tutti i controlli vengono disattivati e la passeggiatina in collina si trasforma in una simpatica corsetta lungo la costa della Normandia; il 6 giugno 1944. Per rendere ancora più strabiliante questa vettura Capristo ha realizzato un impianto di scarico per permettere alla F430 di esprimere al meglio il suo potenziale canoro. Tutti i nostri impianti di scarico riprendono fedelmente gli ingombri degli impianti di serie e questo è possibile grazie all’utilizzo delle più moderne tecnologie di scansione Faro e di progettazione CAD. L’impianto di scarico realizzato in acciaio inox 309 è composto da collettori di scarico 4 in 2, 2 in 1, dai tronchetti silenziati e dal silenziatore con comando valvola per garantire al conducente il pieno comando sul volume della sua vettura. Lo scarico, perfettamente integrato nel posteriore, garantisce una linea molto più libera e permette un incremento di 25 cv senza avere la necessità di rimappare la centralina elettronica della vettura.

Testo di: Andrea Monticelli
Foto di: Stefano Lelli

SCARICA LA BROCHURE

Capristo Official

Capristo Italia presenta un prodotto unico ed innovativo.

Inserisci la tua e-mail e ricevi gratuitamente la brochure personalizzata per la tua Auto.

Capristo Exhaust Italy rispetta i tuoi dati e la tua privacy. Scopri di più leggendo la nostra privacy policy

GRAZIE DA CAPRISTO ITALIA

A breve riceverai la tua brochure personalizzata

Cart
  • No products in the cart.